Miley Cyrus torna al cinema

L’attrice Miley Circus è da un po’ che non appariva sul grande schermo, da un episodio della serie tv Black Mirror, preceduto dal film del 2016 di Woody Allen Crisi in sei scene, in cui era la protagonista. La sua carriera, infatti, dopo Hannah Montana è stata sempre altalenante, ecco perché sapere del suo ritorno in un film di Natale insieme a Dolly Parton.

Il film sul Natale di Dolly Parton

Il titolo del film è Dolly Parton’s Mountain Magic Christmas, di base è un film musicale ed ha come tema la creazione di uno speciale televisivo pensato per le festività natalizie. Dolly Parton vorrebbe risollevare l’umore del mondo, ormai stanco dai tanti avvenimenti e situazioni, attraverso la magia del Natale del parco giochi di Dollywood. A un certo punto compaiono a Dolly Parton tre personaggi molto strani chiamati “Tre saggi della montagna”, e la conducono a fare un viaggio importante nel suo passato. Questo le permetterà di essere nello speciale televisivo in modo nuovo e innovativo, e di far conoscere al mondo quale è la vera magia del Natale. Il cast è composto dalla mitica Dolly Parton che ha richiesto al suo fianco Miley Cyrus e poi il conduttore Jimmy Fallon, il cantautore Willie Nelson, Billy Ray Cyrus e Tom Everett Scott.

Miley Cyrus attrice: non solo Hannah Montana

Miley Cyrus è sicuramente divenuta famosa con la serie tv Disney Hannah Montana, tuttavia, ha partecipato ad esempio a film come The Last Song, Sex and the City 2, entrambi del 2010, LOL-Pazza del mio migliore amico del 2012. Per Miley Cyrus è una grande emozione tornare a far film insieme alla sua madrina Dolly Parton, a cui si è sempre inspirata ed ha ammirato. A Vogue Uk ha, infatti, detto “Dolly mi ha ispirata a esprimere e celebrare ogni strato e versione di me stessa in tanti modi, è stata costante nella sua carriera, ma ha anche avuto un’evoluzione incredibile. Quindi c’è stata quella coerenza, ma anche quella crescita. E che si parli di lei come intrattenitrice, attrice, musicista, attivista, o della sua autoironia e del suo rapporto con la sua identità e il suo personaggio, penso che sia una donna non superficiale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *